sabato 22 marzo 2008

La vergogna del Columbus Day


<


E' dal 1937 che nella quinta strada di New York, ad Ottobre, si fa una parata in onore del grande navigatore genovese Cristoforo Colombo che fu il primo "bianco" a mettere piede nel continente americano.
Questa festa è chiamata Columbus Day ed è molto sentita dagli immigrati italiani negli U.S.A che si sentono orgogliosi del loro connazionale, addirittura ho letto da qualche parte che dovrebbe essere finanziata dallo stato italiano (la "s" minuscula l'ho messa apposta) ed è sicuro che nell'ultima edizione era presente il clemente mastella ministro delle giustizia. In realtà cristoforo colombo avrebbe fatto bene a starsene a Genova a pescare calamari facendo un favore molto più grande all'umanità. Il suo arrivo nelle americhe ha dato l'inizio ad uno sterminio di Persone in confronto al quale l' Olocausto è una bazzeccola. E colombo sarà stato un grande navigatore ma egli stesso era convinto di portare la parola di Cristo spargendo sangue, lo testimoniano vari documenti. In ritorno dal suo viaggio infatti scrisse queste testuali parole “ivi feci eriger tosto una rocca … lasciai gli uomini che sono necessari … [Gli indigeni] son privi d’armi, vanno nudi e son troppo timidi; perciò quelli che occupano la rocca solamente possono senz’alcun pericolo saccheggiare l’isola, purché non vadano oltre la legge ed il governo che io diedi". E quel governo, da come si può leggere dagli atti del processo intentategli di sovrano di Spagna nel 1500, era un governo di ingiustizie, avidità e sangue. Colombo fu condannato ma quel processo non servì a niente agli indigeni i quali vennero costretti alla resa dai conquistadores, stessa cosa per quanto riguarda i nativi americani nei confronti dei coloni.
Non è bastato il genocidio, si continua ancora a uccidere nella dignità i pochi sopravvissuti, alcuni indiani d' America hanno manifestato contro l' ultima parata ma sono stato attacati dalla polizia.
Il genocidio non è ancora finito, Amnesty International ha provato che dal 1972 al 1976 delle donne native sono state costrette alla sterilizzazione con la minaccia che il bambino sarebbe stato loro portato via alla nascita. Guardate pure il video per averne una certezza, altro che faro che illumina il mondo...Il genocidio è vero e continua ancora. Prossimamente altri post sulle culture dei popoli del sud.

P.S Anche i nostri libri di storia dipingono Colombo come un eroe, mi ricordo che mi affascinava molto la sua storia e le sue imprese ma non ricordo nulla di sterminii e teste sgozzate. Anche questo è genocidio.



P.P.S si può firmare una petizione contro il Columbus Day qui

7 commenti:

Computadores ha detto...

Hello. This post is likeable, and your blog is very interesting, congratulations :-). I will add in my blogroll =). If possible gives a last there on my blog, it is about the Computador, I hope you enjoy. The address is http://computador-brasil.blogspot.com. A hug.

EveRBerZ ha detto...

hi, I'm very happy that someone in Brasil reads this blog, I'll enjoy your blog soon, see you:)

Michele ha detto...

albè mi sa che era spam il commento di prima :D

Comunque, in linea di massima sono d'accordo con te: ma in america, colombo è solo un simbolo dell'Italia, non sanno nemmeno che cosa ha fatto...lo so per i racconti di alcune persone che conosco e che sono state al columbus day. Ci vanno per ricordare le loro origini italiane tutto qui.

EveRBerZ ha detto...

Boh mi ha salutato col saluto indiano, quindi avrà letto il post... Ma magari è davvero spam, comunque se lo fanno solo per le loro origini italiane sarebbero meglio chiamarlo in un altro modo... cia

Michele ha detto...

Hello è un saluto indiano? Albè mi fai conoscere il pusher? :D

EveRBerZ ha detto...

mi riferivo ad "a hug" scritto alla fine pero ci puo stare che sia spam visto l'argomento

Michele ha detto...

alberz, a hug significa un abbraccio in inglese... :D